Il cantante canta, il ministro fa. Ma possiamo parlare o no?

Idee e riflessioni
Share

Il concetto è molto semplice.
Se io dico a qualcuno (che ha espresso un concetto in disaccordo con la mia idea) qualcosa come “Tu stai zitto e pensa a fare quello per cui sei pagato (cantare, insegnare, dipingere, cucinare, ecc.)” gli dico – in sostanza- che non può parlare perché solo io posso esprimere opinioni.
E contemporaneamente sottintendo la famosa frase di Alberto Sordi ne “Il Marchese del Grillo”.

E, a pensarci bene, questo atteggiamento ha un nome. Ma in questo momento non mi viene in mente.



Condividi:

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Continuando la navigazione accetti l'uso dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi