Rispolveriamo l’espressione “Non disturbare”

Pillole di educazione
Share

L’espressione “Non disturbare!”  non si sente più da molti anni.
Negli ultimi due decenni quello che sembra essere stato insegnato è “Fai quello che vuoi, tesoro! L’importante è che tu ti senta libero! Degli altri chi se ne importa? Nessuno deve permettersi di dire quello che devi fare!”

“Attento! Non correre che sollevi la sabbia e disturbi la signora”
“Non urlare! Non bisogna disturbare!”
“Non correre! Al ristorante non si corre perché si disturba!”
“Abbassa! Il volume troppo alto disturba i vicini!”
“Non urlate! La nonna dorme!”

Ci sono mille occasioni per usare questo dimenticato “Non disturbare”.
Fin da piccoli, i bambini devono imparare a tenere conto del fatto che non sono soli e che non esistono solo le loro esigenze, ma anche quelle degli altri; che la loro libertà finisce dove comincia quella degli altri; che quando non si tiene conto della presenza degli altri si manca loro di rispetto.
Solo così possiamo sperare di crescere bambini rispettosi.

Condividi:

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Continuando la navigazione accetti l'uso dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi