Un tempo andavamo a raccogliere le violette per la maestra

Spunti di riflessione
Share

Ho un grosso vaso tutto pieno di piantine di violetta. Violette selvatiche. Nonostante il freddo ne sono sbocciate tantissime. Le preferisco di gran lunga alle rose e alle orchidee. Le adoro. Per il loro profumo, per il loro colore, per la loro semplicità, e soprattutto perché il loro profumo mi riporta all’istante a quando ero una bambina e insieme alle mie amiche andavo in campagna a cercare le violette da portare alla nostra maestra. 

Quella della foto è una delle mie violette. Mi è dispiaciuto staccarla dalla pianta, ma spero che mi scuserà e sarà contenta di essersi sacrificata per me. 

Erano altri tempi. Tempi in cui eravamo libere di andare da sole – bambine di quinta elementare- nei campi, al limitare del bosco, nelle piane fra gli ulivi. Felici.

Erano tempi in cui la maestra era “la maestra”, e i fiori da portarle non si comperavano, perché si raccoglievano e si legavano con un filo. Le mamme non  controllavano e non criticavano le maestre, noi bambine eravamo libere di voler bene alla maestra perché i genitori non andavano a protestare se ci sgridavano.

Devo dire che erano bei tempi. Ed è per questo che adoro le violette.

Condividi:

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Continuando la navigazione accetti l'uso dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi